martedì 22 luglio 2014

Perché ho aperto il blog: qualche domanda a Ferruccio Gianola

L’idea di avventurarmi nel mondo del blogging e nata verso la fine dell’inverno dopo aver visto sul profilo facebook di un Ferruccio, un amico di vecchia data, un articolo, espressamente marketing, in cui si consigliava di puntare sull’uso di un blog rispetto a un sito statico per la comunicazione on line. 

Ora, dopo aver intrapreso questa strada a qualche mese di distanza ho contattato Ferruccio per chiedergli qualche informazione più specifica. 

Sì, gli ho fatto un’intervista, anche per capire se sono sulla strada buona. Ecco le sue risposte: 


Ciao Ferruccio, quando hai aperto il tuo blog? 

Quattro anni fa per far leggerei miei racconti. Poi con il passare del tempo le cose sono cambiate. Attorno al mio blog è nato molto interesse e naturalmente gli stimoli ad ampliare le tematiche si sono adeguati. Tanto che ora il mio blog ha più l’aspetto di un magazine Online. Ma non ho mai perso l’obiettivo iniziale. 


Perché un blog è meglio di un sito statico

Perché ogni volta che pubblichi qualcosa proponi un’informazione fresca ed è quello che adorano i motori di ricerca. Google in primis


Quando hai cominciato a capire che rendeva il tuo blog? 

Più che dal numero dei visitatori, ho capito che stavo facendo qualcosa di buono quando sono iniziate ad arrivarmi email di collaborazioni e le visite dirette da Google


Bisogna essere degli informatici per gestire un blog? 

Bisogna essere un po’ di tutto per gestire il blog in maniera professionale. Conosco blogger che scrivono benissimo, ma hanno pesanti carenze sotto altri punti di vista. 
Io ritengo che principalmente il blogger deve rispettare chi arriva da lui a leggere. Tutto il resto si impara se si ama ciò che si sta facendo. Basta studiare e darsi da fare. Con pazienza, volontà, applicazione e studio s’imparano l’HTML, il SEO e l’abitudine a scrivere buoni contenuti. I grandi progetti si realizzano facendo tanti piccoli progettini. 


Quali sono gli errori da evitare nel blogging

Bella domanda, sul mio blog ho pubblicato questo post Gli errori più comuni di un blogger, ma ce n’è due che li riassumono tutti: guai a essere superficiali e guai a mentire. La gente non ha le fette di salma sugli occhi.   


È utile servirsi anche dei social

Fondamentale. 


Grazie Ferruccio, magari tra qualche anno sarai tu a farmi un’intervista. 

La farò volentieri, grazie a te

1 commento:

Il mio blog non censura nulla a parte lo spam manifesto. Nessun Vostro Commento verrà mai rifiutato, rimosso, attenuato o tagliato. L'importante è assumersi la paternità di quello che si dice. Anche gli anonimi possono commentare. Vi prego tuttavia di evitare insulti gratuiti e altre sciocchezze.