martedì 7 luglio 2015

Le parole del mio blog: storie che raccontano

Un post del genere l’ho visto anche da un'altra parte. Non è tutta farina del mio sacco ci tengo a dire. 

Però mi è piaciuto e quasi in maniera inconscia ti chiede di metterti davanti agli occhi il lavoro che si sta facendo. Così ho fatto. 

Un semplice calcolo ed ecco Le parole del mio blog: storie che raccontano.   

Be’ a quanto pare, in poco più di un anno ho dedicato al mio blog 12.400 parole, suddivise in sessantadue post (con questo). 

In realtà, ritengo assai probabile che siano molte di più. Ho cercato di usare una media di duecento parole usate per articolo ma se ci penso ce ne sono diversi molto più lunghi, quindi non dico eresie di aver superato le tredicimila parole. 

Poche? 
Tante? 

Dipende dai punti di vista, ovvio. L’importante, per un blogger, è che ci sia qualcosa di valore e di utile in ciò che è stato comunicato. D’altra parte ho usate sempre parole facili e gli stessi concetti che ho sviscerato, quando è stato necessario, sono stati presentati in modo molto semplice, usando una terminologia popolare e adatta a tutti. 

Perché lo vogliate o meno i blog devono saper parlare a tutti.

2 commenti:

Il mio blog non censura nulla a parte lo spam manifesto. Nessun Vostro Commento verrà mai rifiutato, rimosso, attenuato o tagliato. L'importante è assumersi la paternità di quello che si dice. Anche gli anonimi possono commentare. Vi prego tuttavia di evitare insulti gratuiti e altre sciocchezze.